Confermando l’assetto e i cardini della proposta formativa della licealità, la scuola procede nell’elaborazione di un curricolo di Istituto sempre più mirato alle esigenze formative degli studenti e del territorio, in cui siano definiti i profili delle competenze, all’interno di una comune metodologia di progettualità didattica.

In particolare l’Istituto, nelle sue azioni, pone attenzione a

  • promuovere incontri con i docenti della scuola secondaria di primo grado sulle competenze di base
  • fornire un’offerta differenziata di situazioni di apprendimento
  • incrementare la didattica laboratoriale
  • favorire il recupero, predisponendo tutte le condizioni organizzative e didattiche finalizzate a diminuire il numero delle insufficienze e a prevenire l’insuccesso scolastico
  • potenziare e valorizzare gli studenti “eccellenti”
  • sostenere e valorizzare le iniziative e i progetti trasversali tra classi e corsi di studio diversi, considerandoli un’occasione di crescita per tutte le componenti della scuola
  • operare per favorire il dialogo e la convivenza civile tra persone appartenenti a diverse culture, anche promuovendo esperienze di conoscenza di altre realtà, il rispetto reciproco e la solidarietà
  • accrescere la condivisione da parte dei Consigli di Classe circa l’attivazione di percorsi di inserimento e l’adozione di adeguate metodologie legate alla presenza di alunni stranieri e di BES (Bisogni Educativi Speciali)
  • esprimere una valutazione più oggettiva del livello delle competenze di cittadinanza raggiunto dagli studenti, elaborando strumenti anche quantitativi
  • realizzare attività di orientamento al territorio e alle realtà produttive e professionali, anche al fine di ottimizzare le scelte dei percorsi universitari, in armonia con i propri interessi e talenti, avviando esperienze di alternanza scuola-lavoro. Tali percorsi possono avere una ricaduta nella messa a punto del curricolo. A tal fine la scuola stabilisce vari accordi di rete e collaborazioni con soggetti pubblici o privati
  • raccogliere dati sulle scelte di indirizzo e sui risultati dei diplomati nei successivi percorsi, dotando la scuola di un archivio di informazioni, per individuare le eventuali aree di criticità nella preparazione degli studenti e quindi ricalibrare l’azione didattica e formativa della scuola
  • sostenere e facilitare la partecipazione di docenti alle attività di formazione
  • riconoscere l’importanza della comunicazione interna e con le famiglie, quale stimolo per incrementare la partecipazione e la responsabilità dei singoli, promuovendo in particolare l’uso del registro elettronico
  • riconoscere l’importanza di un forte collegamento con il territorio, al fine di creare sinergie per l’ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse umane, strumentali e finanziarie
  • rispettare, nell’attività di amministrazione e di gestione, i principi di semplificazione, trasparenza e efficacia, ferma restando la tutela delle persone nel trattamento dei dati personali
  • favorire il potenziamento e l’acquisizione da parte del personale di competenze tecniche e amministrative finalizzate alla dematerializzazione e alla semplificazione dell’attività a supporto dell’azione didattica.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.